Imminente integrazione con CrossRef

La rivista Scientia sta per essere integrata nel sistema internazionale di riferimenti CrossRef: è una questione di ore.

Alla rivista verrà assegnato un prefisso DOI del tipo 10.XXXX/ con cui costruire i codici DOI, anzitutto per ciascun numero della rivista, e poi per ciascun articolo. In linea di principio si potrebbe andare anche più in dettaglio, per esempio codificando (all'interno di un articolo) un paragrafo, una tabella, un'immagine o qualsiasi "oggetto digitale" ("digital object", DO) che potrebbe essere classificato con un "identificatore" ("identifier", I) cioè un DOI (sigla che deriva appunto dall'unione di DO con I). Raramente andremo così in dettaglio, anche perché ogni codice DOI costa circa $1.20 (* v. nota).

L'adesione al sistema CrossRef offre a qualsiasi autore di articoli accademici nel mondo la possibilità di citare uno degli articoli di Scientia, se vuole, e tale eventuale citazione viene subito indicizzata a livello internazionale.

Tale vantaggio però comporta un obbligo alla rivista Scientia: cioè inserire in ogni articolo il maggior numero di riferimenti possibili e indicare il codice DOI di ciascun articolo o libro citato (lavoro un po' noioso ma indispensabile) nella forma standard stabilita da CrossRef.

Per risalire da un articolo qualsiasi all'eventuale codice DOI (se tale articolo ce l'ha) si può usare questo servizio online:

http://www.crossref.org/guestquery/

Esempio: trovare il DOI del seguente articolo:

Autore: Feynman.

Titolo: The Space-Time Formulation of Nonrelativistic Quantum Mechanics.

Rivista: Reviews of Modern Physics 20(2), pagine 367–387, anno 1948 (sebbene l'articolo sia stato scritto decenni prima della nascita del DOI, ad esso è stato poi assegnato comunque un codice).

Nel servizio online indicato scriviamo almeno in parte i dati, anzi, i cosiddetti metadati, relativi all'articolo. Per esempio.

First author (surname): Feynman.

Article title: formulation.

Il sistema trova l'articolo e risponde col relativo codice DOI: http://dx.doi.org/10.1103/PhysRev.80.440 (per la verità il codice DOI è soltanto 10.1103/PhysRev.80.440 ma CrossRef sostiene che esso contenga anche la parte iniziale http://dx.doi.org/ che in realtà è un'aggiunta che rende l'articolo rintracciabile sul web).

L'autore quindi dovrà includere nelle citazioni il DOI nel formato CrossRef, cioè andranno espresse nella forma qui spiegata:

http://www.crossref.org/02publishers/doi_display_guidelines.html
(CrossRef DOIs in Citation Reference Lists)

Gli autori dovranno fare il piccolo sacrificio per adeguare le loro citazioni allo standard CrossRef, cercando, trovando e specificando i DOI di tutti gli articoli e libri che avranno citato nel loro articolo, ottenendo però l'integrazione dell'articolo nel sistema CrossRef a livello mondiale.

La Redazione di Scientia.

* Nota. La spesa di $1.20 per codice DOI, che si somma ad una quota fissa di iscrizione annuale, è comunque vantaggiosa, grazie al fatto che la sottoscrizione è stata fatta direttamente presso CrossRef.org negli Stati Uniti. Invece, seguendo la convenzionale procedura europea, la via apparentemente più semplice sarebbe stata la sottoscrizione all'agente DOI più vicino, che nel nostro caso sarebbe stata l'agenzia Medra. Ebbene, in questo caso ogni codice DOI sarebbe costato circa 5 o 6 Euro.


SCIENTIA International Identifiers: ISSN: 2282-2119 . DOI prefix: 10.12969 . EAN: 977-2282-211-00-9 . Handle (hdl) prefix: 11167

Scientia ISSN code - Fax: +039 050 7620351